UVA universolaltro …. un primo bilancio sociale

Allo scadere del primo anno associativo, UVA si è riunita nella stessa cornice di via IV Novembre, Roma, che ha ospitato il gruppo già un anno fa alla firma del nostro Atto Costitutivo.

E’ stato redatto e approvato il Primo Bilancio Sociale UVA universolaltro!

 

Il Bilancio Sociale nasce dalla volontà di fare un resoconto del primo anno di vita della nostra associazione. Consapevoli delle nostre forze sappiamo che in realtà tutto ciò è “semplicemente” un primo passo verso quegli obiettivi che ci proponiamo e che con determinazione cerchiamo di realizzare. Questa presentazione vuole anche essere un mezzo per diffondere i valori in cui crediamo, far conoscere il nostro modo di operare e il contesto in cui ci muoviamo.

 

La storia

 

“UVA universolaltro” è un’associazione di promozione sociale, costituitasi ai sensi della legge 383/2000 il 16 giugno del 2011 a Roma. Essa nasce per concretizzare un bisogno di coordinamento tra laureandi, laureati e studiosi in Scienze delle Religioni, i quali, condividendo interessi e fini comuni, hanno cominciato a interrogarsi, già prima di associarsi, sul ruolo delle religioni nelle trasformazioni sociali che interessano l’Italia contemporanea. Da questi confronti emerse la necessità di rivolgere particolare attenzione alla problematica dell’insegnamento della religione, nelle scuole pubbliche e non. Occasione ufficiale di incontro, anche con un pubblico esterno, fu il Convegno “Le religioni vanno a scuola. Prospettive professionali delle Lauree in Scienze delle Religioni” tenutosi all’Università degli Studi Roma Tre, Facoltà di Lettere e Filosofia, il 28 aprile 2010, in cui si fece il resoconto dell’attuale situazione, dei recenti e possibili futuri sviluppi. Da quel momento si allacciarono e maturarono poi i contatti con le università di Torino, Padova-Venezia, dove era attivo un medesimo corso di laurea.

Dopo poco più di un anno si costituì e si formalizzò a norma di legge l’associazione che si era creata. Il 14 giugno 2011 in Roma, via IV Novembre 98, il gruppo si riunì per approvare lo Statuto che avrebbe regolato la futura associazione e firmarne l’Atto costitutivo.

 

Missione

 

L’associazione, a norma di statuto, è apartitica e non ha scopo di lucro. Essa ha per scopo principale l'elaborazione, la promozione e la realizzazione di progetti di solidarietà sociale. Lo spirito e la prassi dell'associazione trovano origine nel rispetto dei principi della Costituzione Italiana che hanno ispirato l'associazione stessa e si fondano sul pieno rispetto della dimensione umana, culturale e spirituale della persona.

L’associazione tende a muoversi in un contesto sociale che va trasformandosi sotto vari aspetti, in particolare quello religioso. Essa è aconfessionale: ispirata ai principi laici e ai diritti universali dell’uomo, opera nel pieno rispetto della libertà e della dignità della persona, in merito alle scelte confessionali e non. In particolar modo, “UVA universolaltro” si impegna in diversi settori e contesti sociali, primo fra tutti quello dell’educazione e dell’istruzione. Essa offre alle scuole primarie e secondarie laboratori di storia delle religioni realizzando lezioni strutturate a seconda delle differenti esigenze caratterizzanti le classi. Il laboratorio si propone di educare alla cittadinanza attraverso la storia delle religioni, affrontando temi specifici, principalmente riguardo alle religioni maggiormente diffuse quali cristianesimi, ebraismo, islam, buddhismo e induismo, prestando attenzione alle categorie di ateo, agnostico sì da promuovere una forma pluralista e democratica di convivenza sociale. I diversi percorsi proposti adottano e sviluppano tecniche peculiari legate ad attività pratiche come la rappresentazione teatrale e artistica. Nelle università UVA mantiene attivo il suo interesse e impegno, partecipando e collaborando alla realizzazione di convegni e seminari che diano supporto scientifico, teorico e pratico alle attività intraprese. In tutti i luoghi di integrazione sociale, UVA mette a disposizione il proprio contributo specifico, collaborando e interagendo con altre associazioni, lavorando in direzione di una sensibilizzazione alle dinamiche dell’accoglienza, dell’interculturalità e del dialogo.

 

Per perseguire gli scopi sociali l'associazione si propone, in particolare, di assecondare i seguenti obiettivi generali:

 

-       ampliare e promuovere la conoscenza della cultura propria e altrui, educare alla pluralità, alla molteplicità, in particolare attraverso l’analisi del fenomeno religioso, al fine di favorire la prospettiva interculturale;

 

-       instaurare un legame più forte tra le scuole  di ogni ordine e grado e le università;

 

-       coinvolgere le nuove generazioni e le loro famiglie in percorsi di cittadinanza attiva che stimolino il senso dell’aggregazione e della partecipazione sociale;

 

-       promuovere i principi della democrazia e della laicità delle istituzioni;

 

-      approfondire l’importanza della libera scelta, sia religiosa sia aconfessionale, al fine di favorire il senso del riconoscimento e della responsabilità, sia nell’ambito scolastico che in quello della comunità sociale;

 

-       favorire l’inserimento e l’accoglienza dello straniero, immigrato o rifugiato, tramite gli strumenti dell’istruzione e del dialogo, per ottenere la salvaguardia delle reciproche pratiche culturali e religiose, nonché dei rispettivi diritti civili.

  

Strategia


Per la realizzazione degli scopi prefissati e nell’intento di agire a favore di tutta la collettività, l’associazione svolge le seguenti attività:

 

Attività giornalistica: curare l’attività giornalistica e l’iniziativa editoriale in genere, in collaborazione con case editrici, enti pubblici o privati, altre associazioni;

 

Percorsi culturali-educativi: collaborare con le scuole di ogni ordine e grado, attraverso progetti didattici e attività di sensibilizzazione: incontri, mostre, laboratori, proposte editoriali di manuali per l’insegnamento.

 

Collaborazioni con le istituzioni: mantenere saldo il rapporto con le università, attraverso la promozione di conferenze, seminari, convegni che favoriscano maggiore visibilità al nostro impegno, garantendone la crescita tramite il supporto scientifico e il sostegno della ricerca. Incentivare l’appoggio delle istituzioni politiche per promuovere la realizzazione degli obiettivi e verificare il riconoscimento della loro efficacia.

 

Formazione permanente: migliorare continuamente la formazione dei membri dell’associazione tramite la ricerca, la realizzazione di incontri-studio, la partecipazione a seminari, workshop e attività interattive con associazioni e gruppi affini.

 

Partecipazione a progetti nazionali e internazionali: partecipare a progetti nazionali e internazionali, rispondere ai bandi di concorso, inerenti alla finalità dell’associazione, aderire alle iniziative di interesse sociale, di tipo culturale e ricreativo promosse dal territorio comunale, regionale e nazionale. Perseguire attività concrete di cooperazione e integrazione culturale nei centri di accoglienza per rifugiati e immigrati.

 

Attività

 

Dopo la sperimentazione dei Laboratori  di “Educazione alla cittadinanza attraverso la storia delle religioni” proposti e attivati in alcune classi della scuola elementare e media di Sonnino (Latina, tra Marzo e Maggio 2011), quest’anno il progetto si è consolidato e ampliato: in collaborazione con Acmos, si sono attivati a Roma e Torino laboratori di “Educazione alla cittadinanza attraverso la storia delle religioni” con un focus specifico sulle feste e il calendario interculturale, con il sostegno economico della Tavola valdese.

La rivista “IRInews – Insegnare le religioni in Italia”, è un notiziario trimestrale della fondazione Benvenuti in Italia e Uva-Universolaltro, curato da Mariachiara Giorda. Il periodico è accessibile gratuitamente on-line, e nasce con « l’idea di dare un resoconto adeguato della situazione italiana sull’insegnamento delle religioni, tra scuola e università». Nella redazione lavorano laureandi e laureati in Scienze delle Religioni delle Università di Roma, Torino e Padova-Venezia. Rappresenta un esempio di costruzione di una rete di giovani studenti e studiosi, capace di coordinamento e «desiderosa di tessere trame culturali originali».

UVA ha collaborato all’ufficio stampa dell’edizione 2011 (riconfermata la partecipazione anche per l’edizione 2012) di TorinoSpiritualità, con la produzione di un Diario digitale della manifestazione, con report, interviste ai relatori e al pubblico, video e foto.

 

La campagna WECARE. All’interno della cornice della campagna per la cittadinanza promossa da Acmos e dedicata all’economia, ci siamo impegnati nell’analizzare il rapporto che intercorre tra religione ed economia: abbiamo recensito libri, incontrato esperti e programmato un report teorico e una proposta concreta come soluzioni o strumenti anti-crisi.

 

Numeri

7 Laboratori in 3 scuole di Roma, ciascun laboratorio da 10 ore, con due operatori. Gli operatori UVA coinvolti sono stati 12. 

IRINews conta, a Giugno 2012, 9 numeri, per una media di 35 pagine a numero.

Il sito di Uva (www.universolaltro.net), attivo da Ottobre 2011, ospita aggiornamenti e report degli eventi scientifici e divulgativi cui l’associazione partecipa, per un totale di 32 report, 2130 visitatori e 7616 pagine viste (aggiornato a Maggio 2012).

Per l’ultima edizione di TorinoSpriritualità, sono stati prodotti 85 report (uno per ogni incontro), 25 interviste ai relatori, 1 video con montaggio, circa 200 video-interviste ai partecipanti.

Per la campagna WECARE sono stati recensiti 13 libri e intervistati  3 esperti.

 

Tanti Auguri UVA!!!

(Giulia Nardini)

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    bea (sabato, 16 giugno 2012 16:04)

    parla Pascucci, tutti attenti!

  • #2

    Giulia (sabato, 16 giugno 2012 19:27)

    ...e commozione!